venerdì 2 ottobre 2015

I cosmetici cattivi: i petrolati

Buongiorno a tutti! 
Secondo appuntamento con la rubrica "I cosmetici cattivi".
Oggi inizierò a parlarvi degli ingredienti dannosi da evitare quindi nei vostri prodotti di bellezza, e non solo!

Vi presento i petrolati!




Il petrolato, o vaselina, o gel di petrolio, è una gelatina ottenuta dal petrolio per raffinazione. Si ottiene dai residui della distillazione del petrolio rimasti dopo la totale evaporazione dell'olio.
Questo prodotto fu inventato nel 1859 da Robert Chesebrough per usarlo negli impianti di perforazione.
Oggi la qualità migliore del petrolio, chiamata petrolio bianco, trova utilizzo nei settori farmaceutico e cosmetico. Le tipologie di petrolio meno pregiato che quindi contengono residui cancerogeni di raffinazione (petrolio ambrato, petrolio giallo e petrolio marrone), sono utilizzati nel settore industriale e per produrre lubrificanti come la vaselina. Ci spalmiamo quindi le stesse cose che vengono utilizzate per l'industria!!!!!
Il petrolato è pastoso e ceroso, di colore neutro, bianco o giallo, a seconda della qualità.



Oggigiorno i petrolati vengono utilizzati per la realizzazione di pomate, gel labbra, prodotti antifunghi, prodotti per l'infanzia e l'igiene, per balsami capelli, lucidalabbra, creme per la rasatura e chi più ne ha più ne metta!! Ma non fidatevi dei prodotti farmaceutici o erboristici che costano di più e quindi, si pensa, possano essere migliori, leggete sempre l'etichetta!!

Vi chiederete perché vengano quindi utilizzati.
Dovete sapere che, se utilizzati su pelle e capelli, i petrolati hanno un alto potere filmante, donando quindi un immediato effetto morbido, lucido e levigato, e sembra che donino immediata idratazione. A lungo andare, però l'uso di prodotti con questo ingrediente, occlude i pori della pelle, che non respira più e non ha la giusta ossigenazione, provocando la formazione di punti neri, brufoli, grani di miglio, acne e altre impurità della pelle e può creare irritazioni cutanee. Inoltre, questa sostanza può contenere residui del petrolio, che come abbiamo visto prima, è potenzialmente cancerogeno.
Questo tipo di ingrediente, rispetto a quelli naturali, è inoltre molto più economico, altro punto a favore, purtroppo, per i petrolati!

Come capire se sui nostri prodotti di bellezza ci sono i petrolati? Ecco i nomi da evitare:

  • Paraffinum liquidum
  • Petrolatum
  • Cera microcristallina (microcristalline wax)
  • Vaselina
  • Mineral oil

Se negli INCI dei vostri cosmetici (trucchi, shampoo, docciaschiuma, creme e oli...) ci sono scritti questi ingredienti, EVITATELI!!


Grandi marche come Nivea, Herbal Essence e Johnson's, sono a base di paraffina, quindi, ATTENZIONE!!!

Spero di esservi stata d'aiuto! Fatemelo sapere commentando il mio blog e mettendo mi piace!
Vi rimando al link del primo post di questa rubrica, in cui vi ho parlato degli INCI: i cosmetici cattivi: INCI

Se avete domande, dubbi o semplicemente se volete seguirmi, vi rimando ai miei contatti:
facebook Auguriamo Blogspot,
su Pinterest Sabrina Mazzon Auguriamo,
su Instagram #auguriamosabry
e su Twitter AuguriamoSabry!

Alla prossima!
Sabrina

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...